L’ULTIMO ARRIVATO…

La storia della vita di J.K. Rowling
raccontata ai più piccoli

Marina Lenti

Dal 2009, curiosità e approfondimenti sul mondo di Harry Potter

IL LIBRO MOSTRO DEI MOSTRI (QUASI)

Vi ricorderete tutti senz’altro che, al terzo anno di scuola, Hagrid impone come testo base per Cura delle Creature Magiche il Libro Mostro dei Mostri. Un infernale aggeggio che morde tutto ciò che gli capita a tiro a meno – si scoprirà in seguito – di essere accarezzato sul dorso: in quel caso, si placa come un gattino, e manca poco che si metta a fare le fusa.

Ebbene, girovagando in Rete mi sono imbattuta in questa curiosa invenzione, denominata Libri Che Respirano, che ricorda l’aggeggio potteriano abbastanza da vicino.

 

Essi sono infatti in grado di aprirsi e chiudersi da soli ritmicamente, come a simulare il processo di respirazione, attraverso un microtelecomando. Guardate voi stessi visionando questo filmato e quest’altro.

Ho scartabellato parecchio prima di riuscire a trovare qualche sparuta informazione sulla loro creatrice, tal Edith Kollath, e di capire se si trattasse dell”ennesima bufala internettiana o di un”invenzione reale. Onestamente non ne sono ancora sicura al 100%, ma la faccenda sembrerebbe vera… Di link in link sono arrivata infatti al sito della Dam Stuhltrager, una galleria newyorkese fondata 10 anni fa, dove i Libri sarebbero stati esposti qualche tempo addietro. Qui si trova una specie di comunicato in cui la Kollath racconta la sua disavventura all’aeroporto di Newark, dove sarebbe stata addirittura fermata, sulla via del ritorno a casa in Germania, e interrogata per 4 ore, e dove i volumi le sarebbero stati confiscati in via precauzionale, in quanto ricettacolo di “meccanismi elettronici pienamente assemblati”.

Il racconto ha le tinte delle spy story, e vabbè che gli USA e l”Europa, dopo l”11 settembre sono diventati assolutamente paranoici oltre ogni ragionevole limite (ma pensano davvero di fermare i terroristi sequestrando bottigliette di shampoo e acqua di colonia ai poveracci costretti a prendere un aereo per lavoro o diletto? L”ho sempre trovata una misura ridicola, così come lo scan della rétina e le altre baggianate che si sono inventati, tutto fumo negli occhi! Però la vicenda, se non fosse demenziale, avrebbe davvero dell”incredibile: ce li vedete i terroristi a camuffare bombe in libri semoventi? Per non parlare del fatto che sono convinta che chi diventa kamikaze non debba avere alcuna familiarità coi libri, altrimenti non sarebbe così demente da farsi plagiare da altri mentecatti, perché se non altro un po” di cervello ogni tanto sarebbe abituato ad usarlo…

Ah, a proposito di Libro Mostro, lo sapevate già, vero, che qualche tempo fa è stata realizzata la versione giocattolo? Per chi non l”avesse ancora vista, eccola qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *