SITO PERSONALE DI MARINA LENTI

Dal 2008 curiosità e approfondimenti sul mondo di Harry Potter

PROSSIMI EVENTI

Questo è il calendario dei miei prossimi incontri. Un calendario degli incontri passati è consultabile qui.
Per inviti a conferenze o per l’organizzazione di seminari a tema potteriano/Fantastico, anche assieme al disegnatore Cliff Wright (illustratore di Harry Potter and The Chamber of Secrets e Harry Potter and the Prisoner of Azkaban), potete scrivere a:
info@marinalenti.com

 

*°*°*°*°**°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°

15.11.19 – BOOKCITY MILANO – h. 10,30 – Unione Grafici di Milano, Piazza Castello 28

      • presentazione del volume 10 Consigli per scrivere per ragazzi

Con Fulvia Degl’Innocenti, Livia Rocchi, Chiara Segre, Luciano Sartirana

 

*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°

15.11.19 – BOOKCITY MILANO – h. 10,30 –

  • presentazione del volume 10 Consigli per scrivere per ragazzi

Con Fulvia Degl’Innocenti, Livia Rocchi, Chiara Segre, Luciano Sartirana

 

*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°

16.11.19 – BOOKCITY MILANO – h. 14,30 –

Teatro del Buratto, Sala Teatranti, via Giovanni Bovio 5

  • Harry Potter e il Prigioniero di Azkaban a 20 anni dall’uscita

 

–*– ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ‘VIA GUFO’ –*–
Dopo l'inserimento dell'email, controlla la tua casella di posta per confermare l'iscrizione. Se non vedi arrivare l'avviso, controlla la casella dello spam.
Inserendo la tua email e confermando l'iscrizione rispondendo alla relativa email, dichiari di aver letto e accettato la privacy policy del sito visualizzabile QUI e di prestare il consenso al trattamento dei tuoi dati.

THE CASUAL VACANCY (IL SEGGIO VACANTE): LA RECENSIONE

Ho faticato moltissimo a leggere The Casual Vacancy: il fatto che ci abbia impiegato due mesi laddove di solito mi bastan

o pochi giorni, è altamente indicativo della pesantezza di questo lavoro. E se non fosse stato un romanzo di J.K.Rowling, che per via di questo sito dovevo comunque leggere, lo avrei piantato dopo le prime 30, insopportabili, lumacose pagine.

Se dovessi fare una valutazione anobiiana in stelline, dove una è il minimo e cinque il massimo, fino a metà libro gliene avrei data una; una seconda se la guadagna nella seconda metà; un’altra mezza nelle ultime 20 pagine. Non si tratta dunque, alla fine, di un punteggio molto lusinghiero e infatti a fine lettura resta molto amaro in bocca.

Cercherò di mettere assieme le idee senza fare spoiler, anche se per questo motivo alcune affermazioni potranno sembrare generiche a chi non ha ancora letto il libro.

Leggi tutto

J.K. ROWLING E UN CERTO TIPO DI CRITICA

Il Guardian pubblica oggi un lungo articolo in cui anticipa dettagli su The Casual Vacancy, più una videointervista alla Rowling, della durata di oltre nove minuti, che potete vedere qui a fondo post.

Ma non è del contenuto di questo che voglio parlare (mi riservo di parlare del libro una volta che l’avrò letto), bensì dei commenti dei lettori. O meglio, del commento di un utente che si firma Papercastle e che, secondo me, è un frustrato da manuale: in breve uno di quelli per cui gli altri dovrebbero sempre fare di più e meglio. Chissà invece cosa fa lui di straordinario nella sua vita, a favore della società, per ergersi a profeta…

Prima accusa la Rowling di aver rubato il marito a un’altra, e questo è falso, perché Neil Murray era già in fase di separazione quando i due si sono conosciuti. Oltretutto, la prima moglie non si è mai lamentata e, anzi, ha ‘benedetto’ le nozze, per così dire, mentre nel frattempo anche lei si era rifatta una vita. Murray ha spiegato che, semplicemente, si sono sposati troppo giovani e lo hanno capito dopo, rimanendo però in termini amichevoli. Quindi, prima fesseria epica e prima regola da imparare: se si muove una critica, che almeno sia sostanziata da prove, e non da gossip stile Novella 2000.

Poi la accusa di dilapidare un sacco di soldi per la casetta-giocattolo dei figli, notizia cui la stampa ha dato ampio risalto negli ultimi mesi, quando a Edimburgo ci sono un sacco di senzatetto. Ora, io non sono una che, siccome ama Harry Potter, ritiene che quello che faccia la Rowling sia tutto buono e giusto: per esempio ho sempre criticato il suo odioso sentimento antiamericano, che è poi tipicamente british, oppure la decisione di mantenere un cast interamente britannico, scelta che per me sconfina addirittura nel razzismo. O ancora, le ridicole misure di sicurezza che ha permesso fossero istituiti attorno ai suoi ultimi romanzi, nuovo compreso. Ma da qui a farle le pulci su come cavolo spende i suoi soldi perché il resto del mondo muore di fame… Ma dico, ma il giorno che han distribuito i cervelli dov’era questo tizio? Non è certo compito di un singolo scrittore salvare il mondo (perché invece non scrive una bella lettera ai governi responsabili di certe vergogne?) e fra l’altro ritengo che, quanto a beneficenza, la Rowling abbia fatto e continui a fare una cospicua parte.

Non va personalmente alla Caritas a distribuire i pasti, ma le basta vergare un libricino di disegni e metterlo all’asta? Ebbene, dove sta scritto che la beneficenza si debba fare solo in un modo? C’è chi dona tempo, chi dona soldi, chi dona fama per ottenere soldi da donare. Ognuno fa quello che può e che vuole, l’importante è che il beneficio, sotto qualsiasi forma, arrivi a destinazione. Dopodiché, come spende il resto dei suoi soldi non è affare che debba riguardare nessuno tranne la diretta interessata. E che siano casette per bambini o montagne di Cioccorane non mi interessa, se li è guadagnati e meritati, ha dunque il diritto di farne ciò che vuole senza che nessuno le sfracelli le scatole.

Mi domando poi quali miliardi di sterline o quale monte ore settimanale questo Papercastle (noto fra l’altro che nomen est omen) abbia donato in beneficenza. Sarebbe interessante chiederglielo, ma un botta e risposta con un mononeuronico sarebbe solo uno spreco di tempo e di banda e la ragione per cui ne ho tratto un post è per evidenziare come il pubblico sia pieno di questi biliosi inutili e saccenti. Ce ne sono molti anche nel pubblico fantasy italiano: magari non se la prendono con la faccenda della beneficenza o dei mariti sedicentemente rubati, perché in fondo nessun autore italiano è assurto ai livelli della Rowling e dunque può essere così influente, ma ciononostante trovano il modo di criticare in mille altri stupidi modi.

Perché alla fine, la creatività, e a maggior ragione la creatività seguita da successo, provoca sempre invidia in chi non ne ha un briciolo. O meglio, in chi non ne sa trovare un briciolo in sé, visto che sono personalmente convinta che ognuno abbia un guizzo di creatività in qualche campo. Basterebbe guardarsi dentro e rivoltarsi le maniche per scoprirla e metterla a profitto, lasciando che gli altri gestiscano a piacere la propria. Ma siccome questo costa molta più fatica che aprire la bocca per darle fiato e vomitare una serie di micidiali baggianate all’indirizzo di un altro, ecco che il prezioso tempo che Papercastle avrebbe potuto donare alla Caritas per supplire alle ignobili manchevolezze della Rowling, viene dilapidato in flame su Internet.

Che dire, spero che l’autrice ricavi da questo cialtrone epico un personaggio del suo prossimo romanzo: dopotutto è fuor di dubbio che gente come questa costituisca davvero un archetipo dell’umanità. Purtroppo.

HARRY POTTER 5 ANNI DOPO CONTRO GLI ULTIMI CASI EDITORIALI

 

Mentre al momento, sulle testate di tutto il mondo, imperversa il tormentone su quel ciofecone terrificante che dev’essere ‘50 sfumature di grigio’, e ovunque le proverbiali ‘casalinghe di Voghera’ (mi scusino quelle autentiche, ma si sa che è ormai un modo di dire per inquadrare un certo tipo di lettrice) corrono a comprarselo per vedere quant’è ‘secsi’ e scandaloooossssa questa patetica fyccina di Twilight scritta, oltretutto, in uno stile assolutamente dilettantesco (per riferimenti potete leggere la rece di Severgnini), qual è invece lo stato di salute della saga di Harry Potter, a ben cinque anni di distanza dalla sua conclusione?

Leggi tutto

WIZARD’S COLLECTION, UN AUTENTICO BAULE DI MAGIE

E’ stato diffuso oggi un filmato in cui gli attori che impersonano Flitwick, Luna, Ginny e Neville mostrano il contenuto della Wizard’s Collection, un box a tiratura limitata e numerata che si apre all’esterno come una cassettiera e che, oltre agli 8 film in blue ray, dvd e ultraviolet con due parti documentali mai pubblicate prima, contiene ‘tesori’ nascosti  quali album illustrati coi dettagli riguardanti la realizzazione dei film, schizzi dello sceneggiatore Stuart Craig, riproduzioni di fotogrammi selezionati dalla serie, una copia del medaglione di Serpeverde, un poster-mappa di Hogwarts e del circondario, un dvd con interviste esclusive e molto altro.

In vendita  partire dal prossimo 10 settembre, potete ammirarne il filmato a questo link.

J.K. ROWLING ED HERMIONE GRANGER STANNO CAMBIANDO I MODELLI DI RIFERIMENTO DELLE ADOLESCENTI

hermioneSolo una mezza dozzina di anni fa, i risultati  sui modelli di riferimento delle teenager britanniche erano piuttosto devastanti. Intervistate per un sondaggio realizzato dai fornitori di intrattenimento mobile www.thelab.tv, le ragazzine britanniche fra i 15 e i 19 anni rivelarono infatti modelli professionali che riflettevano il superficiale segno dei tempi. Accantonate le classiche ambizioni di mamme e zie, le odierne teenager d’Oltremanica vedevano con maggior favore la carriera di starlette nuda o semivestita (63% su un campione di 1000 intervistate) piuttosto che l’evidentemente ammuffito mestiere di insegnante, dottoressa o infermiera.

Per esempio, la scandalistica divetta Abi Titmuss era considerata un modello migliore rispetto a J.K. Rowling. E se la maggioranza del pubblico italiano sa bene chi è quest’ultima, qualche parola va forse spesa per presentare invece la sua ‘temibile antagonista’… Se fate un giro su Internet, scoprirete che i contributi culturali forniti a tutta pagina dalla Titmuss si concentrano pressoché esclusivamente sui suoi gusti sessuali, sulla periodicità dei suoi bollenti incontri e sulla sua disperazione nei momenti di astinenza.

Leggi tutto

Archives