SITO PERSONALE DI MARINA LENTI

Dal 2008 curiosità e approfondimenti sul mondo di Harry Potter

PROSSIMI EVENTI

Questo è il calendario dei miei prossimi incontri. Un calendario degli incontri passati è consultabile qui.
Per inviti a conferenze o per l’organizzazione di seminari a tema potteriano/Fantastico, anche assieme al disegnatore Cliff Wright (illustratore di Harry Potter and The Chamber of Secrets e Harry Potter and the Prisoner of Azkaban), potete scrivere a:
info@marinalenti.com

 

*°*°*°*°**°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°

15.11.19 – BOOKCITY MILANO – h. 10,30 – Unione Grafici di Milano, Piazza Castello 28

      • presentazione del volume 10 Consigli per scrivere per ragazzi

Con Fulvia Degl’Innocenti, Livia Rocchi, Chiara Segre, Luciano Sartirana

 

*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°

15.11.19 – BOOKCITY MILANO – h. 10,30 –

  • presentazione del volume 10 Consigli per scrivere per ragazzi

Con Fulvia Degl’Innocenti, Livia Rocchi, Chiara Segre, Luciano Sartirana

 

*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°

16.11.19 – BOOKCITY MILANO – h. 14,30 –

Teatro del Buratto, Sala Teatranti, via Giovanni Bovio 5

  • Harry Potter e il Prigioniero di Azkaban a 20 anni dall’uscita

 

–*– ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ‘VIA GUFO’ –*–
Dopo l'inserimento dell'email, controlla la tua casella di posta per confermare l'iscrizione. Se non vedi arrivare l'avviso, controlla la casella dello spam.
Inserendo la tua email e confermando l'iscrizione rispondendo alla relativa email, dichiari di aver letto e accettato la privacy policy del sito visualizzabile QUI e di prestare il consenso al trattamento dei tuoi dati.

DIETRO LE QUINTE DEL CATERING DI HOGWARTS

David Poole, il capo-cuoco che ha lavorato sul set dei film Harry Potter e la Pietra Filosfale, ha rilasciato qui un’intervista in cui rivela alcuni interessanti particolari di ciò che è stato il suo compito sul set.

David si è occupato di coordinare sia la preparazione dei cibi che dovevano apparire nelle varie scene, sia del catering per sfamare attori e crew. Considerato l’elevato numero di persone e il fatto che il servizio dovesse essere espletato parecchie volte al giorno sia in esterna che negli studios, si può immaginarne la fatica.

Leggi tutto

IL PORCELLINO A FUMETTI CHE RIFA’ IL VERSO A HARRY POTTER

Ok, di primo acchito ha un nome un po’ equivoco, ma Harry Porker non è QUEL tipo di parodia del maghetto, bensì niente più che una innocua striscia che ha per protagonista un porcellino occhialuto che fa parte dei parco-personaggi del fumetto Zannablù.

Zannablù è l’imbranato protagonista dell’omonima collana disegnato dallo Studio Dentiblù, ed è un cinghiale ingenuo e buontempone dalle zanne, appunto, blu.

Questo fumetto ha già parodiato altre famose serie fantastiche, dando vita a Star Porks e al Signore dei Porcelli. Harry Porker ritorna ira nelle fumetterie il prossimo 28 giugno  in un albo doppio a colori della saga di Zannablù: l’albo propone due storie, la prima è la riproposizione dell’esilarante parodia rowlinghiana già uscita nel 2004, intitolata Harry Porker e il segreto della besciamella; la seconda è la frizzante epopea da cui prendono origine tutte le vicende legate al mondo del nostro spassoso cinghiale.

Leggi tutto

ARRIVA IL LIBRO STANDARD DEGLI INCANTESIMI

L’esperienza interattiva di Pottermore esce dal web e finisce in libreria…
Sulla scia di altri esperimenti come quelli di
Harper-Collins, che sta mettendo a punto guide turistiche sensibili alla geolocalizzazione, libri ‘stregati’ per bambini, pagine che si auto aggiornano in base alla posizione del lettore, pagine segrete e puzzle nascosti, anche la Rowling, col supporto di Sony, si lancia nell’avventura dei libri interattivi e farà uscire – a novembre in Europa e a dicembre in USA – il terzo libro di testo di Hogwarts, dopo i due pseudobiblia Il Quidditch e Gli Animali Fantastici.

Leggi tutto

IL ‘NONNO’ DEI DISSENNATORI

Ne avevo accennato nel saggio L’Incantesimo Harry Potter: personalmente,  il look cinematografico dei Dissennatori mi ricorda molto il mostro del bellissimo video di Kate Bush intitolato Experiment 4.
Riprendo il discorso in questa sede a beneficio dei lettori più giovani che non lo conoscono.

Il singolo fu pubblicato nell’ottobre del lontano 1986 e narra la storia di un esperimento segreto condotto per conto delle Forze Armate, frutto di accurati studi sul suono. Inizialmente si trattava di studiare la musica, quella fatta per piacere e  per emozionare. Ma un giorno venne precisato agli scienziati che tutto ciò a cui erano interessati i militari era di creare un suono che potesse uccidere a distanza.

  Gli scienziati dovettero così cambiare rotta e iniziarono a registrare suoni terrificanti, come le urla di orrore nei manicomi e le grida di dolore delle partorienti, filtrandole tutte nel loro macchinario. Ma per il ‘solito’  errore procedurale, quello che ne esce alla fine è un’entità incontrollabile, che all’inizio blandisce col suo bell’aspetto e poi si rivela per ciò che è in realtà. Dopo aver ucciso tutti i presenti, sotto le spoglie della bella ragazza (che altri non è che la stessa Kate), esce dall’edificio e accetta un passaggio in autostop. Il flagello sfuggito alla scienza è così pronto per scatenarsi nel mondo.  

Orbene, la similitudine coi Dissennatori sta nei brandelli di stoffa svolazzante (anche se in questo caso sono di colore chiaro) e nelle fattezze simil-teschio che si possono vedere nel filmato. Tenete conto che dal 1986 l’animazione computerizzata era agli albori e che i quasi vent’anni che separano i due film valgono ciascuno un anno luce, perciò il mostro di Experiment IV risulta senz’altro meno fluido nella sua espressione virtuale di entità appena uscita dalla macchina e che è stato realizzato con un pupazzo. Ad ogni modo, qua c’è il filmato. Giudicate voi!  

 

CHI HA PAURA DI HARRY POTTER?

O meglio: chi ha paura della Warner Bros?

Era già successo nel 2004. Avevo descritto la vertenza nel capitolo de L’Incantesimo Harry Potter relativo alle dispute legali del maghetto, illustrando come la Warner Bros avesse tentato di diffidare la British Tour dall’usare il nome di Harry Potter in relazione al pacchetto di visite guidate ai luoghi dove sono stati girati i film tratti dai romanzi.

La diffidata, ciononstante, aveva continuato per la propria strada senza nemmeno modificare l’intitolazione nel senso proposto da Warner (una complicata perifrasi che sanciva l’estraneità della produzione al pacchetto turistico) o aggiungendo, in alternativa, un disclaimer relativo al non coinvolgimento di quest’ultima o della Rowling al suddetto tour.

Alla fine la major, resasi evidentemente conto – in questo caso – della debolezza della propria posizione non ha mai osato fare un passo dinanzi al giudice, preferendo lasciar morire la cosa.

Leggi tutto

Archives