IN ARRIVO A NOVEMBRE…
...l'antologia saggistica multiautore 'L'Ombra del Cattivo,
10 antagonsti del fantastico tra letteratura,cinema e televisione'.
Il saggio che ho scritto riguarda la pentalogia di 'Spiderwick - Le Cronache' di H. Black e T.DiTerlizzi
Qui sotto il trailer del film che ne è stato tratto

Marina Lenti

Dal 2009, curiosità e approfondimenti sul mondo di Harry Potter

WHIMSIC ALLEY E PARCO DI ORLANDO: QUALI RAPPORTI?

whimsic-alleyWhimsic Alley è un centro nato sei anni fa, in un vicolo di Santa Monica (California) che è stato modellato a immagine e somiglianza della Diagon Alley e della Hogsmeade potteriane.

Qui ci si imbatte, ad esempio, in negozi che vendono bacchette, proprio come fa Olivander: presso il Phoenix Wands Shop se ne possono trovare ben 20 qualità, tutte ricavate da legni pregiati. Oppure vi si trovano botteghe come Habber & Dasher, il corrispondente di Madama McClan o di Stratchy&Sons, che offre una quantità di abiti per streghe e maghi. Non poi mancano un negozio di dolciumi da fare invidia a Mielandia e un negozio di libri e un HP Wizard Store che si vanta di avere la più grande varietà del mondo di articoli relativi al maghetto.

Questa ”isola felice” sulle colline è fra l”altro sempre molto attenta agli eventi del mondo potterico, e infatti è stata fra le pochissime a organizzare, in occasione dell’uscita delle Fiabe di Beda il Bardo, un”apertura di mezzanotte tenutasi nel dicembre 2008, con intrattenimento potteriano a profusione.

Adesso, sei anni più tardi, il centro è quattro volte più grande, e proprio questo weekend inaugurerà la propria Sala Grande, che verrà affittata al pubblico per banchetti e ricorrenze di ogni tipo.

Ma approssimandosi la data di apertura del parco a tema potteriano in quel di Orlando e appurato, in plurime occasioni, l”estremo tasso di litigiosità della Warner, resta da vedere come verranno disciplinati i rapporti fra le due realtà. C’è da tenere presente in fatti che ora la Warner ha due interessi da controbilanciare: da un lato la salvaguardia dell”aura di ufficialità del parco che ha ceduto a Universal a suon di dollaroni; dall’altra la tutela dei negozi di Whimsic Alley che sono a tutti gli effetti suoi clienti, dal momento che vendono materiale ufficiale regolarmente acquistato.

Dal canto suo, finora Whimsic è stata molto attenta, nell’esporre nomi, disegni e insegne, a mantenersi sul generico in modo da non entrare in conflitto col copyright. Probabilmente, d’ora in avanti, sarà sorvegliata col doppio dell’attenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *